Esserre Nutrition è il portale di informazione scientifica dedicato agli specialisti della nutrizione.  

Se sei uno specialista della nutrizione, registrati per accedere a tutti i contenuti scientifici pensati per supportare la tua pratica quotidiana.  

Redazione
Esserre Nutrition

Flomel® Crema Gel una risposta mediterranea per contrastare la cellulite

Comunemente indicata come cellulite, la pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica (PEFS) è un’affezione di natura micro-vasculo-connettivale ad evoluzione sclerotica, in cui infiammazione ed edema costituiscono due aspetti centrali nella fisiopatologia e nelle manifestazioni cliniche di questo diffuso disturbo.

La cellulite si osserva nella grande maggioranza dei casi in soggetti di genere femminile in età post-puberale, tanto da interessare l’80-95% delle donne. Questo disturbo influisce negativamente sulla qualità della vita e sull’autostima di chi ne è affetto ed è stato classificato come uno degli inestetismi peggiori dalle persone che ne sono interessate.

La cellulite può essere considerata una delle malattie della civiltà legate allo stile di vita moderno e al modo di alimentarsi.

Un intervento in fase iniziale può potenzialmente prevenire l’evoluzione della cellulite nelle sue forme più gravi.

Oltre a intervenire con una modifica del life-style e in particolare della nutrizione, il trattamento della cellulite con preparati topici e sistemici è uno dei principali interventi da mettere in atto.

A tal proposito, la divisione Ricerca e Sviluppo di Esserre Pharma ha realizzato un cosmetico innovativo, Flomel® Crema Gel, i cui costituenti di origine mediterranea, depolimerizzando la fibrina, degradando le proteine rilasciate dai vasi sanguigni nello spazio interstiziale quindi aumentando la permeabilità tissutale, ripristinando il drenaggio e la circolazione e riducendo l’infiammazione, permettono di contrastare l’inestetismo su gambe e fianchi.

Il ruolo dell’infiammazione e dell’edema nella PEFS

Da un punto di vista eziopatologico, la PEFS viene inquadrata come un processo progressivo di alterazioni strutturali, morfologiche e biochimiche avviato da deterioramento del microcircolo e infiammazione del pannicolo adiposo, che favorisce la fuoriuscita di plasma verso l’interstizio cellulare con formazione di edema.

L’entità dell’accumulo di liquido interstiziale dipende da fattori quali la pressione idrostatica dei capillari, la pressione oncotica delle proteine plasmatiche, la permeabilità dell’endotelio vascolare e la capacità di drenaggio operata dal sistema linfatico.

Il plasma infiltratosi nell’interstizio cellulare innesca un processo infiammatorio del tessuto adiposo. L’infiammazione è un meccanismo tipico dell’immunità innata che si instaura in presenza di agenti esterni patogeni e di un danno tissutale di tipo chimico, fisico o biologico. Il processo mira a eliminare o arginare la causa a monte, riparare le lesioni tissutali e ristabilire la normale funzionalità dell’organismo. Ciò avviene grazie all’intervento di cellule immunitarie che rilasciano una serie di mediatori chimici pro-infiammatori come interleuchina (IL)-1β, IL-6, IL-8, interferon gamma (INFg),  fattore di necrosi tumorale alfa (TNFα) e attivazione del complemento e del sistema callicreina/bradichinina. Questi fenomeni inducono le tipiche caratteristiche cliniche della flogosi:

  • rubor (arrossamento)
  • dolor (dolore)
  • calor (calore)
  • tumor (gonfiore o edema)
  • functio lesa (impedimento funzionale)

Quando tuttavia questo processo si cronicizza, come avviene nella PEFS, si attivano altri meccanismi, come la stimolazione dei fibroblasti, che conducono alla formazione di fibrosi e quindi alterazioni morfologiche e strutturali con perdita della quantità e della funzione delle fibre di collagene del derma, che, a sua volta, determina lassità, flaccidità e rilassamento cutaneo.  I capillari vengono ulteriormente compressi ed il drenaggio dei liquidi in eccesso si fa sempre più difficile. Si innesca quindi un “circolo vizioso” che autoalimenta questa patologia.

 

Gli effetti biologici esercitati da Flomel® Crema Gel

In una breve disamina, vediamo nel dettaglio come le attività svolte dagli ingredienti di Flomel® Crema Gel [bromelina, arancia rossa (Cirtus sinensis), Opuntia Gel (gel di fico d’India), mentil-lattato, Vitamina E (tocoferolo acetato) permettano di dare una risposta concreta al problematico inestetismo.

La bromelina è un enzima proteolitico estratto dal frutto e dal gambo dell’ananas nella forma più concentrata. Questa sostanza esplica numerose attività documentate, come quella antinfiammatoria, antiedemigena, fibrinolitica, per cui risulta particolarmente utile per migliorare il microcircolo e contrastare la ritenzione idrica.

Le arance rosse (Citrus sinensis) sono ricche di flavonoidi (tra cui in particolare l’esperidina) e di antocianine, che oltre ad essere potenti antiossidanti, hanno proprietà antinfiammatorie e ipoglicemizzanti. E’ stato osservato che l’estratto di arancia rossa offre un’elevata fotoprotezione tramite l’attività antiossidante e scavenger dei radicali liberi. Inoltre, uno studio italiano ha riportato , un’azione di inibizione dell’accumulo di grasso grazie all’estratto di arancia rossa.

– L’Opuntia Gel (gel di fico d’India) è un estratto integrale ricavato dalle foglie succulente (cladodi) della pianta di giovane formazione, raccolte e processate direttamente nel sud Italia. La parte interna dei cladodi di fico d’India veniva tradizionalmente usata per applicazione cutanea come rimedio emolliente e antinfiammatorio, oltre che per la guarigione delle ferite. È un gel ricco in polisaccaridi, come l’Opuntiamannano, che donano a questo gel una notevole attività cosmeceutica e dermatologica. Gli estratti dei cladodi di Opuntia aumentano la capacità antiossidante ed esercita un’attività antinfiammatoria . Uno studio su modello murino ha dimostrato come l’estratto di opuntia moduli la risposta infiammatoria: sopprimendo l’attività COX-2, riducendo i livelli di NO, IL-6 e TNF-𝛼 sia in vitro che in vivo.

La vitamina E (tocoferolo acetato) è un potente antiossidante, che contrasta la produzione dei radicali liberi, proteggendo in questo modo la cute dall’invecchiamento e mantenendola sana ed elastica.

Il mentil lattato, estere tra acido lattico e mentolo, contribuisce a ridurre la sensazione di pesantezza e gonfiore, donando un piacevole effetto rinfrescante alla pelle.

 

Flomel® Crema Gel rappresenta un nuovo trattamento topico che, integrandosi in un programma di nutrizione personalizzato studiato dal nutrizionista, permette di contrastare gli aspetti fisiopatologici della cellulite, offrendo al paziente una soluzione innovativa a questo diffuso e temuto disturbo. Flomel® Crema Gel in associazione a Flomel® 500 rappresenta un protocollo di azione mirata contro gli inestetismi della cellulite.

 


Scopri di più su Flomel® Crema Gel

 

Bibliografia

1. Bass LS and Kaminer MS. Insights Into the Pathophysiology of Cellulite: A Review. Dermatol Surg 2020;46:S77–S85.
2. Bauer J, Grabarek M,, Migasiewicz A, Podbielska H. Non-contact thermal imaging as potential tool for personalized diagnosis and prevention of cellulite. Journal of Thermal Analysis and Calorimetry 2018;133:571–578.
3. Chakraborty  AJ, Mitra S 1,  Tallei TE et al. Bromelain a Potential Bioactive Compound: A Comprehensive Overview from a Pharmacological Perspective. Life 2021;11:317.
4. Izuegbuna O, Otunola G, Bradley G. Chemical composition, antioxidant, anti- inflammatory, and cytotoxic activities of Opuntia stricta cladodes. PLoS ONE 2019;14(1):e0209682. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0209682
5. Varilla C, Marcone M, Paiva L and Baptista J. Bromelain, a Group of Pineapple Proteolytic Complex Enzymes (Ananas comosus) and Their Possible Therapeutic and Clinical Effects. A Summary. Foods 2021;10:2249.
6. White ES and R Mantovani AR. Inflammation, wound repair, and fibrosis: reassessing the spectrum of tissue injury and resolution. J Pathol 2013;229:141–144.